Passa ai contenuti principali

Il Barolo di Cascina Bruni. Storia di un'emozione

Questo blog l’ho voluto per parlare di cibi di vini ma anche di storie. E ci sono esperienze che devono maturare un po’ prima di essere raccontate. Come un buon barolo. 17 maggio 2015 un vecchio amico giornalista, Filippo Larganà, mi invita a una degustazione verticale di Barolo. In una gionata piena di sole mi dà appuntamento alla Casina Bruni, in quel di Serralunga d’Alba. Poco dopo arriva un’altra cara amica, giornalista, che non vedevo da tempo, Paola Gula. Siamo in terra di Barolo e l’azienda che ci ospita ha una storia centenaria che si intreccia con la storia del nostro Paese. A raccontarla il nostro ospite e padrone di casa Cristiano Veglio. Era la  fine 1800 e da pochi decenni l’Italia era nazione, iI Veglio già lavorano le terre che il re Vittorio Emanuele II ha donato alla sua sposa morganatica, Rosa Vercellana, la Bèla Rosin, e ai suoi figli e nipoti. Dagli eredi del re i Veglio acquistano una tenuta, Cascina Bruni. Casa patronale sullo stradone e vigne abbarbicate sulle colline. Prima la famiglia è impegnata nell’allevamento di bovini di razza e nella ricerca dei tartufi e oltre alla coltivazione  di pregiati vigneti di nebbiolo che si trovano proprio nel centro dell’area più classica della produzione del Barolo. I grappoli di nebbiolo li vendono alla cantina di Fontanafredda, a due passi dalla loro cascina.  Giuseppe Veglio, il capostipite,  un giorno guarda quella distesa di vigneti e decide: «Da ora faremo noi il nostro Barolo». È un’intuizione che avrà successo e porterà i vini Veglio ad essere esportati non solo in Italia, ma in tutti i continenti. L’opera viene continuata dalla generazioni successive e continuata oggi da Cristiano, esponente della sesta generazione, che con il fratello Fulvio e il padre Giuseppe, conduce Cascina Bruni, 12 ettari di vigneto, soprattutto nebbiolo da Barolo, con la tradizione nel cuore e il futuro nello sguardo. Il barolo del terzo millennio dei Veglio porta infatti anche la creatività e l’esperienza di uno dei più famosi wine makers italiani, Riccardo Cotarella che per il sui debutto nel mondo del Barolo ha scelto proprio Cascina Bruni. Prima della degustazione Cristiano ci porta nei vigneti, dove abbiamo modo di apprezzare la cura delle coltivazioni da cui si ottiene sempre una produzione limitata, solo i grappoli migliori. Poi ci spostiamo nelle cantine, in particolare quella originaria dove riposano preziose annate di Barolo. Il luogo e i ricordi ci trasmettono un’emozione profonda. L’emozione si rafforza al tavolo di assaggio dove ci apprestiamo a degustare preziose bottiglie di barolo delle seguente annate: 2011, l’ultimo nato, 2009, 2007, 1997, 1995. Il 2011 promette bene, note di lampone e di spezie, di cuoio e di legno, colore pulito, discreta persistenza. Il 2009 e il 2007, sono vini complessi, le spezie attenuate, si avviano al loro punto di migliore maturazione. Il 1997 è un barolo completo, elegante, persistente, comme il faut, direbbero i cugini francesi. La vera sorpresa però è il 1995, un vino elegante complesso ma ancora non completamente espresso.  Ed è un’emozione bellissima, forte, che supera le papille e arriva al cuore: un vino che ha vent’anni e ancora che ha cose da raccontare. Come la storia. Come Cascina Bruni.
Cristiano Veglio con le sue bottiglie e con lo stemma di famiglia

Cascina Bruni
Loc. Bruni, 6
12050 Serralunga d'Alba (CN)
Tel. e Fax  0173.613208
www.cascinabruni.it
bruni@cascinabruni.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Tu sarai sempre regina ed io il tuo re.

La storia ha l'incipit di una favola: "c'era una volta in una piccola cittadina del Monferrato una ragazza che sognava di poter unire il glamour al food..." Oggi quella favola è una realtà consolidata e si chiama Salotti del Gusto®, l'iniziativa che Raffaella Corsi e Alessandro Domanda, coppia sul lavoro e nella vita, hanno fortemente voluto e fatto crescere. Belli, giovani e determinati, lei è la mente creativa e di relazione, lui è l'organizzazione e l'ottimizzazione. Insieme strepitosi. Ultima dimostrazione la Preview dello scorso 21 aprile, nella elegante e magica cornice del Park Hyatt Milan. Molte le conferme, come la rinnovata partnership con JEEP®, per la quarta edizione del TOUR “TASTE AND DRIVE”, e la conferma della collaborazione con il  Maestro BOCELLI, per l'hospitality del Teatro del Silenzio di Lajatico (PI), in occasione del concerto spettacolo “Le Cirque” di Andrea Bocelli in programma sabato 30 luglio, e il WHITE PARTY DELLA CELEBRIT…

GLAMOUR CALDO E FAMIGLIARE PER I PERLA AWARDS 2016

Ieri, serata di puro glamour, come recita lo slogan dei Salotti del Gusto® di Alessandro Domanda e Raffaella Corsi, splendidi padroni di casa, al Castello Canalis di Cumiana, ma con un caldo tocco di famiglia che ha contribuito ad esaltare la nobile e austera cornice del salone delle feste del maniero, nel quale sono stati attribuiti i Perla Awards 2016, a personaggi dello spettacolo, del giornalismo, della finanza e dell’imprenditoria. A seguire la brillante e coinvolgente conduzione di una super brava Alba Parietti, in grande forma, oltre 200 ospiti che hanno potuto gustare un’ottima cena placée di tipico taglio piemontese. Per Raffaella e Alessandro, i Perla Awards di quest’anno, hanno rappresentato anche un modo per ringraziare coloro che in questi 13 anni di attività non hanno mai fatto mancare alla coppia del glamour italiano, fiducia e affetto. In questa luce va letto il premio attribuito a Veronica  e Andrea Bocelli, per i quali Salotti del Gusto segue l’hospitality vip del Te…